Piano Regolatore Regionale per apertura di impianti per la distribuzione di carburanti

//Piano Regolatore Regionale per apertura di impianti per la distribuzione di carburanti

Piano Regolatore Regionale per apertura di impianti per la distribuzione di carburanti

Per impianto di distribuzione dei carburanti si intende quel complesso unitario costituito da uno o più distributori e dai serbatoi dei carburanti erogabili, con le relative attrezzature, locali ed eventuali attività accessorie.

Nell’ambito di questa categoria la Legge distingue tra:

1) impianti di distribuzione dei carburanti per autotrazione ad uso pubblico, ubicati lungo la rete stradale ordinaria, classificati nelle seguenti tipologie:

• stazione di servizio: impianto costituito da uno o più distributori a semplice, doppia o multipla erogazione dei carburanti con relativi serbatoi e dalla attività accessorie al servizio degli utenti, nonché da locali destinati agli addetti e da self-service pre-pagamento e post-pagamento;

• stazione di rifornimento: impianto costituito da uno o più distributori a semplice, doppia o multipla erogazione di carburanti con relativi serbatoi, che dispone di un locale destinato agli addetti e all’esposizione di lubrificanti o altri prodotti per i veicoli, nonché di self-service pre-pagamento o post-pagamento;

• chiosco: impianto costituito da uno o più distributori a semplice, doppia o multipla erogazione di carburanti con relativi serbatoi e da un locale adibito esclusivamente al ricovero degli addetti ed eventualmente all’esposizione di lubrificanti o altri prodotti per i veicoli;

• punto isolato o appoggiato: impianto costituito da uno o più distributori a semplice o doppia erogazione di carburanti con relativi serbatoi ed eventuale pensilina, senza alcuna struttura sussidiaria;

2) impianti di distribuzione dei carburanti per unità da diporto e avio ad uso pubblico, i quali sono ubicati all’interno delle aree portuali e aeroportuali, e sono destinati all’esclusivo rifornimento dei natanti e degli aeromobili;

3) impianti di distribuzione di carburante esenti da accisa per motovela e motopesca, i quali sono ubicati all’interno delle aree portuali e sono destinati all’esclusivo rifornimento di coloro che usufruiscono del carburante per autotrazione a esenzione di accisa;

4) impianti ad uso privato, i quali sono ubicati all’interno di aree di proprietà privata o pubblica non aperte al pubblico, quali stabilimenti, cantieri, magazzini e depositi e sono destinati all’esclusivo rifornimento di automezzi di proprietà, in locazione e in uso del titolare dell’autorizzazione;

5) impianti ad uso privato per trasporto pubblico locale, i quali sono ubicati all’interno di aree di proprietà pubblica o privata non aperte al pubblico, quali stabilimenti o depositi o aree all’uopo attrezzate, e sono destinati all’esclusivo rifornimento dei veicoli utilizzati per il trasporto pubblico e per i mezzi di servizio ausiliari.

2018-02-13T12:33:07+00:00 11 dicembre 2013|News|2 Comments

2 Comments

  1. Mirko 29 giugno 2014 at 16:47 - Reply

    Salve .
    Sono Cipolla Mirko ho 18 anni compiuti volevo avere qualche informazione come funziona per avere in gestione un distributore di carburanti .. Io sono residente a sezze in provincia di Latina..

  2. virgilio ferdinando 1 agosto 2017 at 10:49 - Reply

    qualora sarei intenzionato aprire un distributore di carburante chiedo all spettabile azieda se siete yn possesso di licebze di rivendita di tabacchi-grazie

Leave A Comment